Il parco deve il suo nome a Eusebi Güell, ricco impresario catalano, membro di un'influente famiglia borghese nella città di Barcellona. Uomo di grande spessore culturale, immerso nella letteratura, nelle arti, nelle lingue e nella scienza, Güell mantenne un proficuo rapporto professionale e amichevole con l'architetto catalano Antoni Gaudí, conosciuto nel 1878, dal quale progettò il Palazzo Güell. . Le cantine Güell, i padiglioni del Parc Güell e persino una cripta. Il viaggio di Guell nel Regno Unito è stato particolarmente stimolante per Güell, un paese in cui le culture sociali, culturali e riformiste erano state in tumulto per anni, guidate da intellettuali come Karl Marx ed Ebenezer Howard. È soprattutto quest'ultimo che colpisce Güell, che ammirano la sua idea di "città giardino": Howard, consapevoli della lezione del movimento cooperativo degli Stati Uniti e utopisti del XIX secolo, in realtà ha progettato un nucleo urbano autonoma in grado di combinare i piaceri della vita in campagna con il comfort della città, per destinare l'alloggio a classi ricche o proletarie. Ansioso di rivivere l'esperienza di Howard sul suolo catalano, Gaudí Güell incaricato di costruire un piccolo giardino di periferia nei pressi di una pista aperta dietro Barcellona Muntanya Pelada, dove possedeva una vecchia casa colonica del XVII secolo. Park Güell, che costituisce il quadro architettonico del primo congresso internazionale della lingua catalana, nel 1906
I lavori iniziarono nel novembre 1900 e, nonostante i vari ritardi (resti di fossili trovati sul sito), furono piuttosto veloci: la suddivisione preparata da Gaudí prevedeva sessanta zone triangolari per la costruzione di abitazioni, ciascuna dotata di spazi verdi adatti che - sul ripido pendio della Muntanya Pelada - avrebbero potuto beneficiare di un'eccellente ventilazione e sole e di una piacevole vista panoramica del centro di Barcellona, ​​oltre a scuole, una cappella e un grande parco. Il progetto, tuttavia, è stato un vero e proprio disastro commerciale: nessuno ha mostrato interesse per questa grande impresa, preferendo ancora una zona prevalentemente rurale, con magnifici edifici del Eixample, e l'urbanizzazione sostenuta da Gaudí e Güell luogo, quindi solo un lotto è stato venduto. Prima che la torretta di Gaudí rifornisse sessanta case, ne furono costruite solo tre. In uno di questi, l'architetto ha vissuto con il padre anziano e la figlia di sua sorella prima della sua ultima mossa verso l'edificio della Sagrada Familia.m een tekst te typen.

Maak een Gratis Website met JouwWeb